Padre Antonio Seganfreddo

From SegaWiki

Antonio Seganfreddo fu il vero protagonista del viaggio in Brasile di quasi tutta la sua famiglia. Nato a Mason Vicentino, nel 1851, si recò in Brasile fin da giovane. Viste le possibilità che in questa nuova terra si presentavano, fece ritorno in Italia ed invitò i familiari a seguirlo. Intanto aveva scoperto la sua vocazione sacerdotale e, completati gli studi, ritornò in Brasile come missionario nel 1896. I familiari, eccetto il fratello Luigi e la sua sposa, lo seguirono in quest'avventura.


Contents

Dal registro dei battesimi

ANTONIO figlio di PELLEGRINO Seganfreddo di Antonio, e di Maria Volpato di Giuseppe conjugi nato li 12 cor.e alle ore 5 di mattina fu battezzato da me Pietro Tessari Arciprete. Padrino al S. F. Giuseppe Baggio parrocchiano.


Extraído do Livro "Carlistas no Rio Grande do Sul" di Dom Redovino Rizzardo

páginas 24, 25 e 26.

Nascido em Mason Vicentino (Vicenza) a 14/06/1851, Antônio Seganfreddo emigrou para o Brasil, jovem ainda, em companhia de seus familiares*. Fixando residência na "Colônia Alfredo Chaves", empregou-se a construção da estrada "Buarque de Macedo", no trecho Bento Gonçalves-Veranópolis.

Distinguiu-se logo por seu espírito laborioso e apostólico; era ele, por exemplo, que dirigia as orações dos companheiros de trabalho, por isso, denominado, 'capellano' (padre).

Sentindo o chamado a dedicar-se a serviço dos irmãos migrantes, com quem partilhava as esperanças e as desilusões, mal conseguiu o dinheiro suficiente para a viagem, regressou à Itália, e ingressou no seminário de One´ di Fonte (Treviso), fundado pelo cônego José (Giuseppe) Mander, para vocações adultas e necessitadas.

Em 1892, passou para a Congregação Scalabriniana, na Casa-Mãe de Piacência (Piacenza). onde foi ordenado sacerdote a 21 de março de 1895, com 44 anos, pelo próprio fundador e superior da Congregação, João Batista Scalabrini.

Retornou ao Brasil em agosto de 1896; em setembro já estava em Porto Alegre. O bispo local, Dom Cláudio José Ponce de Leão, o enviou para os núcleos italianos espalhados nos atuais municípios de Nova Prata e Nova Bassano, onde fixou residência. Quando da chegada do Pe. Pedro Colbacchini ao mesmo território (novembro seguinte), a região pôde então ser dividida, cabendo Nova Bassano ao Pe. Colbacchini,e Nova Prata (então Capoeiras) ao Pe. Seganfreddo.

Tendo como norma de ação as palavras que Scalabrini lhe apontara: "O amor de Cristo me impulsiona", - o novo missionário dedicou-se ao trabalho pastoral com grande abnegação de si mesmo, despojando-se de tudo, vivendo como os mais pobres e grangeando, por isso mesmo, a estima de todos os colonos, a quem visitava em suas "linhas" e a quem atendia com paciência e perseverança nas longas horas de confissão. Seu campo de ação se estendia até os atuais territórios de Lagoa Vermelha e de Protásio Alves (nos períodos que esta última localidade não tinha sacerdote fixo: de 1897 a 1901, e de 1903 a 1909). Para tanto, chegava a fazer, muitas vezes, de 11 a 12 horas diárias de viagem a cavalo e, onde o cavalo ou a mula não conseguiam penetrar, embrevanhava-se sertão adentro caminhando 3 ou 4 horas a pé.

Em 1898 deu início à construção da igreja em alvenaria, de três naves (35m x 15m), que foi inaugurada por João Batista Scalabrini, na visita que fez à comunidade nos dias 29 e 30 de setembro de 1904.

Sua presença em Capoeiras não se limitava à promoção espiritual e moral dos colonos; auxiliava-os inclusive material e socialmente, levando-os a unir-se e reerguer-se depois das freqüentes crises que passavam (muitas vezes causadas pela invasão de gafanhotos, que tudo devastavam, como aconteceu, por exemplo, em 1907).

Em 1908, depois de quase 12 anos de atividades incessantes, sua saúde estava no fim; foi então, obrigado a submeter-se a uma dolorosa cirurgia em Encantado.

Apesar de não ter completado ainda 57 anos e de ter recebido um coadjutor desde 1907, na pessoa do Pe. Jorge Cavigiolo, já não conseguia permanecer à frente da comunidade; por isso, em 1909, foi-lhe concedido deixar a paróquia, fato que aconteceu em 1910.

No final de 191, dirigiu-se para a Itália em busca de saúde, mas já em março de 192 estava de volta ao Rio Grande do Sul, decidido a morrer no trabalho. Foi, então, enviado a reger a paróquia de Farroupila (na época Nova Vicenza), onde só pode ficar alguns meses. Morreu em Porto Alegre, a 23/12/1913.

O Pe. Máximo Rinaldi, vigário geral e procurador da Congregação, quando soube de sua morte, escreveu: "O Pe. Antonio Seganfreddo era um dos nossos missionários melhores e mais zelosos!".

Padre Antonio
Enlarge
Padre Antonio

Extraído da revista Massolin de Fiori - outubro/novembro de 1997 - Encarte

Padre Antonio e Monsignor Scalabrini
Enlarge
Padre Antonio e Monsignor Scalabrini

Extraído do obituário Scalabriniano

(referência: [1])

1851 + 1912?

Nato a Mason (Vicenza) il 16 giugno 1851, emigrò assai giovane in Brasile dove sperimentò tutte le misere condizioni del nostri emigrati; desideroso di fare qualcosa, ritornò in Italia con l’intenzione di farsi sacerdote e dedicarsi così alla loro assistenza.

Frequentò le prime classi nell’Istituto Mander di One di Fonte (Treviso), dal quale passò con altri compagni nella nostra Congregazione nel 1892. Fu ordinato sacerdote dal Ven. Fondatore il 31 marzo 1895 e nel luglio partì per il Brasile.

Fu parroco a Capoeiras (Nova Prata). Nel 1911 dovette rimpatriare per condizione di salute compromessa, ma non poté resistere al richiamo e nel 1912 ritornò in Brasile. Pochi mesi dopo morì a Porto Alegre, il 23 dicembre 1913.

Can zelo e amore non comuni attese alle necessità di quelle vastissime missioni, difficili per mille motivi: l’assoluta mancanza di strade, l’eterogeneità della popolazione composta da italiani, brasiliani, polacchi, la differenza topografica.


  • A questão sobre a vinda junto com os familiares é controversa. O mais aceito é que os Seganfreddo do ramo de Pellegrino e Maria Volpato vieram ao Brasil em 1896 ou 1897. Entretanto também é difícil acreditar que ele tenha vindo jovem e sozinho ao Brasil antes dessa data e após retornado para seguir os estudos religiosos e convidar a família a emigrar.
  • As fontes divergem quanto ao ano de falecimento do Pe. Antonio, se 1912 ou 1913.

Image:italia.gif

Estratto dal libro "Carlistas no Rio Grande do Sul" di Dom Redovino Rizzardo....

pagine 24, 25 e 26.

Nato a Mason Vicentino (Vicenza) il 14/06/1851, Antonio Seganfreddo emigrò in Brasile; giovane operaio in compagnia di alcuni suoi familiari. Fissò la sua residenza nella "Colônia Alfredo Chaves". Fu impiegato nella costruzione della via ferrata "Buarque de Macedo", nel tratto Bento Gonçalves-Veranópolis. Si distinse per il suo spirito laborioso ed apostolico; lui era, per esempio, quello che guidava le preghiere dei compagni di lavoro e per questo fu nominato “cappellano” (padre). Sentendo la chiamata a dedicare il suo servizio, ai fratelli migranti e a portare speranza ai poveri, con difficoltà riuscì a raccogliere il denaro sufficiente per rientrare in Italia. Entrò nel seminario di One´ di Fonte (Treviso), fondato da Giuseppe Mander, per aiutare le vocazioni adulte. Nel 1892, passò alla Congregazione Scalabriniana, nella Casa Madre di Piacenza. Quindi fu ordinato sacerdote il 21 marzo del 1895, a 44 anni, dal proprio fondatore e superiore della Congregazione, Giovanni Battista Scalabrini. Ritornò in Brasile in agosto del 1896; in settembre già stava a Porto Alegre. Il vescovo locale, Don Cláudio José Ponce de Leão, lo inviò presso i nuclei italiani sparsi negli attuali municipi di Nova Prata e Nova Bassano, dove fissò la sua residenza. Quando arrivò da Pe. Pietro Colbacchini nello stesso territorio (nel novembre seguente), la regione potè essere divisa in questo modo: Nova Bassano a Pe. Colbacchini e Nova Prata (vicino Capoeiras) a Pe. Seganfreddo. Tenendo come norma della sua azione la parola che Scalabrini diceva: "L’amore di Cristo mi crea impulso", il nuovo missionario dedicò il suo lavoro pastorale con grande abnegazione di sé medesimo, spogliandosi di tutto, vivendo con i più poveri e ricevendo la stima di tutti i coloni che visitava nelle loro "linhas". Si fermava con pazienza e perseveranza lunghe ore a confessare. Il suo campo di azione si estendeva a tutti gli attuali territori di Lagoa Vermelha e di Protásio Alves (nel periodo che quest’ultima località non aveva il sacerdote stabile: dal 1897 al 1901 e dal 1903 al 1909). Arrivava a fare, in molti viaggi, anche 11 o 12 ore di viaggio a cavallo e, quando il cavallo o il mulo non riuscivano a penetrare nella foresta, raggiungeva i paesi camminando per 3 o 4 ore a piedi. Nel 1898 diede inizio alla costruzione della chiesa a Nova Prata. Era a tre navate (35m x 15m) e fu inaugurata da Mons. Giovanni Battista Scalabrini, nella visita che fece alla comunità nei giorni 29 e 30 di settembre del 1904. La sua presenza a Capoeiras non si limitava a promuovere la spiritualità e la moralità dei coloni; portava aiuti materiali e sociali, invitando a unirsi per superare le frequenti crisi che investivano quella povera gente (molti danni venivano causati dall’invasione di gafanhotos che devastavano tutto come successe per esempio nel 1907). Nel 1908, dopo quasi 12 anni di incessanti attività, la sua salute peggiorò; fu quindi obbligato a sottoporsi ad un doloroso intervento chirurgico a Encantado. Nonostante non avesse ancora 57 anni, per motivi di salute, fu costretto ad essere aiutato da un coadiutore a partire dal 1907 nella persona di Pe. Jorge Cavigiolo. Non riusciva più a rimanere vicino alla sua comunità e il suo cappellano cominciò a guidare la parrocchia nel 1909 e completamente dal 1910. Alla fine del 1911 ritornò in Italia per la salute compromessa, ma già nel 1912 ritornò nel Rio Grande Do Sul, decidendo di morire nel suo lavoro. Fu intanto inviato a reggere la parrocchia di Farroupila (allora Nova Vicenza), dove rimase solo pochi mesi. Morì a Porto Alegre, il 23/12/1913. Il Pe. Máximo Rinaldi, vicario generale e procuratore della Congregazione, quando seppe della sua morte, scrisse: “ Il Pe. Antonio Seganfreddo era uno dei nostri migliori e più zelanti missionari!”.

Estratto dall’annuario Scalabriniano

1851 + 1912? “Nato a Mason (Vicenza) il 16 giugno 1851, emigrò assai giovane in Brasile dove sperimentò tutte le misere condizioni del nostri emigrati; desideroso di fare qualcosa, ritornò in Italia con l’intenzione di farsi sacerdote e dedicarsi così alla loro assistenza. Frequentò le prime classi nell’Istituto Mander di One di Fonte (Treviso), dal quale passò con altri compagni nella nostra Congregazione nel 1892. Fu ordinato sacerdote dal Ven. Fondatore il 31 marzo 1895 e nel luglio partì per il Brasile. Fu parroco a Capoeiras (Nova Prata). Nel 1911 dovette rimpatriare per condizione di salute compromessa, ma non poté resistere al richiamo e nel 1912 ritornò in Brasile. Pochi mesi dopo morì a Porto Alegre, il 23 dicembre 1912?. Can zelo e amore non comuni attese alle necessità di quelle vastissime missioni, difficili per mille motivi: l’assoluta mancanza di strade, l’eterogeneità della popolazione composta da italiani, brasiliani, polacchi, la differenza topografica.”

Compendio della Vita

Nato a Mason Vicentino (Vicenza) il 14/06/1851, Antonio Seganfreddo emigrò in Brasile nel 1883, giovane operaio in cerca di fortuna. Fissò la sua residenza nella "Colônia Alfredo Chaves". Fu impiegato come cuoco nella costruzione della via ferrata "Buarque de Macedo", nel tratto Bento Gonçalves-Veranópolis. Si distinse per il suo spirito laborioso ed apostolico; guidava le preghiere dei compagni di lavoro e alla domenica e nei giorni di festa leggeva il Vangelo ed alcune parti della Messa. Per questo fu nominato “cappellano” (padre). Sentendo la chiamata a dedicare il suo servizio, ai fratelli migranti e a portare speranza ai poveri, con difficoltà riuscì a raccogliere il denaro sufficiente per rientrare in Italia. Entrò nel seminario di One´ di Fonte (Treviso) nel 1890, fondato da Giuseppe Mander per aiutare le vocazioni adulte. Nel 1892, passò alla Congregazione Scalabriniana[2], nella Casa Madre di Piacenza. Si trasferì insieme ad altri confratelli che lo accompagneranno poi anche nella vita missionaria in Brasile: Natale Pigato, Pietro Dotto, Marco Simoni e Antonio Serraglia. Quindi fu ordinato sacerdote il 31 marzo del 1895, a 44 anni, dal fondatore e superiore della Congregazione, il futuro beato Giovanni Battista Scalabrini. Ritornò in Brasile in compagnia del nipote Pellegrino, figlio del fratello Giuseppe, partendo da Genova il 20 luglio del 1896 ed arrivando nel porto di Santos il 17 agosto del 1896; in settembre già stava a Porto Alegre capitale dello stato del Rio Grande do Sul.

Viste le possibilità che in questa nuova terra si presentavano, invitò i familiari a trasferirsi in Brasile. I fratelli Lucia e Giuseppe partirono nel 1891. I genitori Pellegrino Seganfreddo e Maria Volpato ed il fratello, Carlo e le rispettive famiglie, lo raggiunsero nel 1897. L’unico fratello che rimase in Italia fu Luigi: sua moglie Giulia, era incinta e non potè affrontare il viaggio transoceanico. Si racconta di un episodio che precedette la partenza di tutta la famiglia. Carlo, fratello di Padre Antonio, aveva avuto una bambina prima del matrimonio dalla sua futura sposa Giovanna Nicolli. Per quei tempi la cosa risultava non conveniente e la povera bimba, Caterina, fu portata in un orfanotrofio lontana dalla famiglia per circa 15 anni. Antonio convinse il fratello Carlo a riconoscere la figlia e a portarla con sé nel viaggio verso il Brasile.

Padre Antonio fu incaricato dal vescovo locale, Don Cláudio José Ponce de Leão, a seguire i nuclei italiani sparsi negli attuali municipi di Nova Prata e Nova Bassano, dove fissò la sua residenza. Quando arrivò da Padre Pietro Colbacchini nello stesso territorio (nel novembre 1896), la regione potè essere divisa in questo modo: Nova Bassano a Padre Colbacchini e Nova Prata (vicino Capoeiras) a Padre Seganfreddo.

La Chiesa di Capoeiras fondata da Padre Antonio
Enlarge
La Chiesa di Capoeiras fondata da Padre Antonio

Subito dopo l’arrivo dei fratelli e dei genitori in Brasile, Padre Antonio fu protagonista di un episodio molto particolare. I familiari, furono deportati in Minas Gerais perchè non avevano la carta di sbarco con la data di arrivo in Brasile. Furono impiegati nella lavorazione del caffè in condizioni di vita praticamente impossibili; la schiavitù era stata da poco abolita e c’era bisogno di manodopera. Padre Antonio, intervenne per riportarli nel Rio Grande Do Sul; pagò una cauzione e li riportò a Nova Bassano.

Tenendo come norma della sua azione la parola che Scalabrini diceva: "L’amore di Cristo mi crea impulso", il nuovo missionario dedicò il suo lavoro pastorale con grande abnegazione di sé medesimo, spogliandosi di tutto, vivendo con i più poveri e ricevendo la stima di tutti i coloni che visitava nelle loro "linhas". Si fermava con pazienza e perseveranza lunghe ore a confessare. Il suo campo di azione si estendeva a tutti gli attuali territori di Lagoa Vermelha e di Protásio Alves (nel periodo che quest’ultima località non aveva il sacerdote stabile: dal 1897 al 1901 e dal 1903 al 1909). Arrivava a fare, in molti viaggi, anche 11 o 12 ore di viaggio a cavallo e, quando il cavallo o il mulo non riuscivano a penetrare nella foresta, raggiungeva i paesi camminando per 3 o 4 ore a piedi. Nel 1898 diede inizio alla costruzione della chiesa a Nova Prata. Era a tre navate (35m x 15m) e fu inaugurata da Mons. Giovanni Battista Scalabrini, nella visita che fece alla comunità nei giorni 29 e 30 di settembre del 1904. La sua presenza a Capoeiras non si limitava a promuovere la spiritualità e la moralità dei coloni; portava aiuti materiali e sociali, invitando a unirsi per superare le frequenti crisi che investivano quella povera gente (molti danni venivano causati dall’invasione di gafanhotos che devastavano tutto come successe per esempio nel 1907). Nel 1908, dopo quasi 12 anni di incessanti attività, la sua salute peggiorò; fu quindi obbligato a sottoporsi ad un doloroso intervento chirurgico a Encantado. Nonostante non avesse ancora 57 anni, per motivi di salute, fu costretto ad essere aiutato da un coadiutore a partire dal 1907 nella persona di Padre Jorge Cavigiolo. Non riusciva più a rimanere vicino alla sua comunità e il suo cappellano cominciò a guidare la parrocchia nel 1909 e completamente dal 1910. Alla fine del 1911, Padre Antonio ritornò in Italia per la salute compromessa, ma già nel 1912 ritornò nel Rio Grande Do Sul, decidendo di morire nel suo lavoro. Fu inviato a reggere la parrocchia di Farroupila (allora Nova Vicenza), dove rimase solo pochi mesi. Morì a Porto Alegre, il 23/12/1913. Il Pe. Máximo Rinaldi, vicario generale e procuratore della Congregazione, quando seppe della sua morte, scrisse: “ Il Padre Antonio Seganfreddo era uno dei nostri migliori e più zelanti missionari!”. Padre Antonio riposa ora a Guaporè.

Prima di morire, Padre Antonio fece una specie di profezia: disse che nel futuro ci sarebbe stato un altro Padre Antonio Seganfreddo. La profezia si avverò il 16 dicembre 2006 perché Antonio Cesar Seganfreddo, pronipote di Padre Antonio fu ordinato sacerdote scalabriniano nel suo paese David Canabarro (Rio Grande Do Sul).